Come funziona Buzzy®

Buzzy® è l'amico di tutti i bambini!

Quando è possibile, posizionare Buzzy® appena al di sopra del punto d'inserzione di un ago o a monte di un punto particolarmente dolente. Grazie alle vibrazioni abbinate al freddo delle ali congelate, elimina il dolore come per magia portando via anche la paura degli aghi!

 

Bambini più tranquilli con Buzzy®

In parole semplici... 

...i segnali nervosi di vibrazione e di freddo emessi da Buzzy® arrivano al cervello attraverso lo stesso percorso che fanno i segnali nervosi di dolore e paura, ma utilizzando strade più grandi e veloci. Utilizzando Buzzy® ad esempio in un prelievo ematico, arrivati al momento cruciale, tutti e quattro i segnali (vibrazione, freddo, dolore e paura) iniziano una gara tra loro per arrivare al cervello a portargli il proprio messaggio così che il cervello possa mettere in atto la reazione più idonea al segnale ricevuto. I segnali di freddo e vibrazioni utilizzano una strada ampia e veloce, mentre quelli di dolore e paura utilizzano una strada più sottile e lenta, ma tutti e quattro i segnali nervosi convergono in una strettoia con un cancello da cui passano solo quelli più rapidi e forti, ovvero vibrazioni e freddo, per non confondere eccessivamente il cervello che deve agire in base ai messaggi ricevuti. And the winner is... Buzzy® che, grazie al freddo delle sue ali e alle vibrazioni perfettamente calibrate che emette, fa sì che vibrazioni e freddo battano sul tempo dolore e paura!

Va aggiunto che il corpo umano è una macchina meravigliosa, ove tutto ha un senso d'essere. Nel nostro caso, occorre considerare che vibrazioni e freddo percorrono dei canali più ampi e rapidi perché sono segnali che possono indicare al cervello che il corpo sta andando incontro a un pericolo a cui è possibile reagire, mentre dolore e paura indicano il risultato di una situazione di possibile pericolo e come tale non necessitano di "corsie preferenziali" per portare il loro messaggio al cervello.

Ecco spiegato perché Buzzy® è assolutamente indicato in tutte quelle situazioni in cui dolore e paura sono momentanei come:

  • iniezioni;
  • prelievi ematici;
  • posizionamento agocannula;
  • test glicemici e somministrazione di insulina;
  • piccoli interventi per togliere schegge o mettere qualche punto di sutura;
  • medicazioni da sbucciature e piccoli traumi;
  • puntura di insetti e tanti altri!

 

Utilizzi di Buzzy®

La Teoria del Cancello o Control Gate Theory

Teoria del Cancello - Control Gate Theory

Buzzy® sfrutta la "Teoria del Cancello", meglio nota con il suo nome inglese Gate Control Theory, secondo cui la conduzione del dolore attraverso le fibre nervose fino al cervello può essere ostacolata inviando altre sensazioni, in questo caso freddo e vibrazioni, attraverso gli stessi canali, riuscendo così ad inibire il segnale di dolore al “cancello” del cervello.

Questa teoria è alla base della progettazione di Buzzy®. Quando i nervi ricevono segnali non dolorosi, come la vibrazione o il freddo, il cervello chiude il cancello ai segnali di dolore. A titolo di esempio, quando ci si colpisce il dito con un martello, si inizia a strofinare istintivamente il punto colpito o a scuotere il dito o immergerlo sotto il getto dell’acqua fredda. Con queste azioni, di fatto, si stanno inviando i segnali non dolorosi attraverso i nervi per chiudere il cancello ai segnali del dolore.

Inibizione delle vie discendenti

Il dispositivo Buzzy® è efficace anche quando è distante dal punto del dolore procedurale, perché agisce sulle vie discendenti, il termine corretto è Descending Noxious Inhibitory Control (DNIC). Mentre il controllo del cancello avviene localmente, a livello generale abbiamo un altro meccanismo efficace nel controllo del dolore. Questo meccanismo sfrutta la capacità del cervello di escludere i segnali indesiderati. 

È come mettere la mano in un secchio di acqua ghiacciata. Inizialmente si riesce a gestire il freddo e, anche la letteratura ci dimostra che, una persona con la mano ghiacciata può sopportare un dolore più intenso in qualsiasi altra parte del corpo. Probabilmente perché la sensazione di freddo è così intensa da non lasciare tanto spazio al cervello per occuparsi anche del dolore. Quando una sensazione è molto intensa, infatti, il cervello riduce la percezione di altre sensazioni in altre parti del corpo.

In termini scientifici, il freddo intenso attiva una modulazione sovraspinale che aumenta la soglia della sopportazione del dolore in tutto il corpo.

Come si usa Buzzy®?

Utilizzare Buzzy® è un vero gioco da ragazzi!

In linea generale, Buzzy® deve sempre avere la sua testa in direzione del cervello o della spina dorsale, mentre la sua parte inferiore deve essere quella più vicina al punto da trattare o dolorante e funziona meglio quando:

  • viene posizionato appena al di sopra della parte da trattare (punto in cui si dovrà inserire l'ago o effettuare il trattamento) per i 30-60 secondi che precedono la procedura da effettuare;
  • viene spostato, al momento in cui comincia la procedura, di un paio di centimetri più in alto o leggermente di lato a seconda dell'area cutanea interessata (dermatoma) /vedi Posizionare Buzzy®/, ovvero "tra dolore e cervello".

Per i bambini che ancora non conoscono Buzzy® si consiglia di presentarglielo come un amico (possibilmente senza le ali pre-congelate per evitare che si riscaldino prima dell'utilizzo), spiegando come funziona e lasciando che il bambino ci giochi azionando la vibrazione fino ad accettarlo come amico e compagno.

Quando si è pronti a intervenire, bastano pochi semplici gesti:

  1. Inserire le ali, preventivamente congelate piegate, nell'apposito alloggio sul retro del dispositivo;
  2. Premere il tasto di accensione di Buzzy®;
  3. Appoggiare e bloccare con il laccio in dotazione o chiedere al bambino o a un suo genitore di tener premuto sulla cute Buzzy® con le ali appena sopra il punto d'intervento (la testa di Buzzy® rivolta verso la testa del bambino);
  4. Procedere con il prelievo, l'iniezione o l'intervento che occorre fare;
  5. Non dimenticarsi di avvertire il bambino di aver terminato la procedura!

         Istruzioni Buzzy®

Per bambini di età inferiore ai 6 mesi, per persone particolarmente sensibili al freddo e persone affette dalla sindrome di Raynaud, è consigliabile utilizzare Buzzy® senza le sue ali.

Se le ali preventivamente congelate dovessero risultare troppo fredde per la persona, basta tenerle in mano qualche istante per abbassare leggermente la loro temperatura. 

Con Buzzy® si hanno benefici per tutti!

Buzzy® è stato creato appositamente per i bambini (anche se viene utilizzato anche dagli adulti), ma il suo effetto benefico si estende anche a chi gli sta intorno:

  • Il bambino: non sentendo dolore, vive serenamente una situazione che resterà per lui "piacevole" e quindi non rischierà neppure di cadere nella trappola della paura o addirittura della fobia da ago con benefici quindi anche a lungo termine;

  • I genitorinon dovranno vivere alcuni dei momenti più difficili per qualunque genitore, quelli di vedere il proprio piccino disperarsi e sentire male;

  • I professionisti sanitari: potranno operare in un ambiente serenoguadagnando anche parecchio tempo spesso sprecato per le reticenze del bambino e/o del genitore che lo accompagna. 

Iniezioni, prelievi e medicazioni sono più facili con Buzzy®



-->